ESPERIENZE,  LUCANIA

IL PONTE ALLA LUNA, LA PASSEGGIATA PIÙ AFFASCINANTE DI SEMPRE

Dopo il Volo dell’Angelo è toccato al Ponte alla Luna a farci provare, ancora una volta, il brivido dell’avventura. Tutto rigorosamente made in Lucania, che non finisce mai di stupirci.

Ci troviamo a Sasso di Castalda, un piccolo borgo della provincia di Potenza. Il paese è caratterizzato da casette in pietra, arroccate l’una sull’altra. Splendidi balconi con fiori colorati, magnifici vicoletti, chiesette suggestive, ne fanno un borgo davvero tanto carino.

Dal 2017 Sasso di Castalda è diventato una grande meta turistica lucana grazie all’inaugurazione del Ponte alla Luna. Gli amanti dell’avventura arrivano da ogni dove per vivere il brivido della camminata più bella che si possa mai fare, sospesi nel vuoto a più di cento metri d’altezza.

il Ponte alla Luna e in lontananza il borgo di Sasso di Castalda

IL PONTE ALLA LUNA, IL NOME NON È UN CASO

“Three, two, one… go!!!”

Il 16 luglio 1969 era una giornata di mezza estate destinata a scrivere la storia. Rocco Anthony Petrone stava guardando la luna nel cielo, consapevole che nel suo paese d’origine, a migliaia di chilometri di distanza, a Sasso di Castalda, la luna crescente è di buon auspicio per le grandi imprese.

Rocco Petrone, ingegnere meccanico, un metro e novanta, 100 chili, orgoglio italiano e soprattutto lucano che attraverso la missione Apollo 11 ha portato l’uomo sulla luna.

Da Sasso di Castalda erano partiti mamma Teresa e papà Antonio subito dopo la Prima Guerra Mondiale. Destinazione America, nella contea di Montgomery, a due ore da New York.

Rocco Anthony, lo avevano chiamato così il loro secondogenito: Rocco, come il Santo protettore di Sasso e Anthony come il padre che morì quando lui aveva solo sei mesi.

Il ponte unisce, altresì, un paesino quasi sperduto della mia Lucania e la luna che l’uomo ha raggiunto grazie ad Antonio, Teresa e soprattutto Rocco Petrone.

Quando eravamo sul ponte, sospesi a mezz’aria, la tentazione di alzare la mano e toccare la luna, era forte. Sembrava essere ad un passo dalla luna.

proprio ad un passo dalla luna
il Ponte alla Luna e il paesaggio della Basilicata

PONTE ALLA LUNA: LE CARATTERISTICHE

Attraversando il pittoresco centro storico del paese e seguendo le indicazioni per i ponti tibetani, si raggiunge il ponte Petracca: il primo ponte lungo 95 metri, a 30 metri di altezza, formato da 240 gradini d’appoggio.

Per arrivare dall’altra parte si impiegano circa 10 minuti.

Il ponte Petracca serve anche per prendere dimestichezza con il sistema, capire come posizionare i piedi sui gradini in modo da evitare troppe oscillazioni, è una sorta di prova per affrontare poi il ponte grande, l’indimenticabile Ponte alla Luna.

Dopo un sentiero di una quindicina di minuti, si raggiunge il punto base dove inizia la lunga camminata. Il paesaggio è mozzafiato. In basso il torrente, il piccolo e grazioso borgo, i boschi e le montagne dell’Appennino Lucano, in alto il cielo e le nuvole.

sotto i miei piedi

La marcia richiede circa mezz’ora di tempo e nervi ben saldi.

Il cuore inizia a battere forte. Forte. Forte. Più camminiamo e più l’emozione diventa indescrivibile oscillando tra le funi d’acciaio.

il ponte alla Luna: un’esperienza grandiosa

Dopo aver percorso 300 metri a 102 metri di altezza, si arriva alla fine del ponte tibetano dopo una mezz’oretta. L’arrivo è costituito da una sky- walk in vetro affacciata sul ponte dove ti rendi conto dell’indimenticabile esperienza appena fatta.

A pochi passi si trovano gli antichi ruderi della Rocca Medievale con un binocolo ruotante dove ammirare l’incantevole paesaggio circostante.

foto di rito sulla sky-walk

Dal punto panoramico si scende una scalinata in pietra per raggiungere nuovamente il centro del paese.

INFORMAZIONI UTILI

I ponti tibetani sono stati realizzati con funi d’acciaio e i gradini per il camminamento sono in metallo grigliato.

Ti verranno consegnate le attrezzature di sicurezza necessarie: imbrago, longe e moschettoni.

La durata dell’intero percorso è di circa un’ora e mezza.

È raccomandato un abbigliamento comodo, scarpe da ginnastica o da trekking.

Prima di arrivare ai ponti, bisogna passare dalla biglietteria che si trova al centro del paese, in Piazza del Popolo.

Il costo del biglietto è di 15 euro e sul sito www.pontetibetanosassodicastalda.com trovi i giorni, gli orari di apertura e il regolamento da rispettare in questo periodo.

Ponte alla Luna, Sasso di Castalda

Il Ponte alla Luna lo hanno definito il ponte tibetano più spettacolare d’Italia. Nulla di più vero.

Un’esperienza straordinaria in un paesaggio straordinario per coraggiosi straordinari.

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *