LUCANIA

LE DOLOMITI LUCANE: BRIVIDO, NATURA E BORGHI PITTORESCHI

L’ ultimo weekend di luglio lo abbiamo dedicato alla scoperta delle Dolomiti Lucane, una bellissima zona della nostra amata Basilicata che conoscevamo davvero troppo poco, a una trentina di chilometri da Potenza.

Già lungo la strada, siamo rimasti incantati dalla bellezza del paesaggio: una piccola catena montuosa, a destra del fiume Basento, costituita da roccia nuda, pareti e una quantità incredibile di guglie rocciose, aguzze, contorte, che fanno da cornice ad un panorama sensazionale.

Queste forme ricordano le Dolomiti e per questa ragione, sono state chiamate “Dolomiti Lucane”.

Mentre le Dolomiti del Triveneto, sono costituite da una particolare roccia, la dolomia che è un carbonato doppio di calcio e magnesio, le Dolomiti Lucane sono formate da una roccia arenaria, più tenera. L’erosione ha determinato la formazione, nel corso dei millenni, di una meravigliosa mostra delle più ardite forme di pinnacoli.

Tra queste sorgono due dei più splendidi borghi della Basilicata: Pietrapertosa e Castelmezzano, così belli ed autentici che sembrano usciti da una favola.

il bellissimo borgo di Castelmezzano incastonato tra le Dolomiti Lucane

DA PIETRAPERTOSA A CASTELMEZZANO

Da alcuni anni le Dolomiti Lucane sono diventate un’ importante meta turistica lucana.

I due borghi, accovacciati tra le cime delle montagne, fanno parte dei borghi più belli d’ Italia.

Sono suggestivi, ricchi di storia, di cultura. Ogni angolo, ogni scorcio è meraviglioso.

Tra salite, discese, scalinate, bellissime case in pietra con i tetti spioventi, perdersi tra le viuzze è un piacere. Preparati a fermarti ogni cinque minuti perchè sarai colpito da qualcosa da fotografare e custodire nei tuoi ricordi. Chiese, piazzette, porticine colorate, punti panoramici e fiori, bellissimi e coloratissimi fiori sui balconi, davanti alle case che rendono latmosfera magica.

uno scorcio di Pietrapertosa

I paesi hanno saputo tutelare e conservare il territorio stimolando e promuovendo il turismo. Puoi fare, infatti, il pieno di adrenalina e divertimento con le numerose esperienze ed escursioni nella natura.

LE ESPERIENZE E LE ESCURSIONI DA PROVARE

La più famosa e da brivido è senza dubbio quella del Volo dell’Angelo: un volo lungo un cavo di acciaio sospeso tra le vette di Pietrapertosa e Castelmezzano. Un’esperienza straordinaria, per i più avventurosi.

il nostro Volo dell’Angelo

Tra le altre escursioni:

La Via Ferrata: un percorso attrezzato per scalare le Dolomiti Lucane, per raggiungere punti inaccessabili in altro modo. Si tratta di due percorsi: la via Marcirosa sul versante di Pietrapertosa e la via Salemm su quello di Castelmezzano.

Il percorso delle 7 pietre: una passeggiata letteraria fatta di pietra e tecnologia. Il percorso è lungo due chilometri e collega Castelmezzano a Pietrapertosa. Le rocce parlano grazie alla memoria di una storia popolare. Raccontano le vicende di Vito, al quale una strega bellissima ha fatto un incantesimo d’amore.

“Il delirio di Vito cominciò in un mattino qualunque tra le foglie arruffate di un bosco in cui egli mai si era recato.

Il delirio di Vito cominciò con un sogno sudato in cui vide la sua ombra danzare con scure presenze sotto la luna.

E lui ballò con le streghe, fino al delirio. E lei lo fece suo sposo.

Ma questo è sogno o verità? E chi può dirlo? Io ti sto dicendo solo che ho portato i cani e che stanotte, se vuoi, puoi volare.

Le pietre del mondo di sotto guardarono con invidia Vito e la strega sollevarsi dalle vigne, dagli orti e dagli acquitrini. Dalla fatica e dalle malinconie della terra.

C’è una storia di pietre sul confine incerto fra la veglia e il sogno.

Le impronte dei suoi passi, segnano un cammino antico, fra sorgenti di acque sincere, dove ogni scroscio porta la voce degli antenati e il loro canto rende più lievi i ricordi.”

Se stai organizzando un viaggio in Basilicata, non devi farti mancare questi posti affascinanti. Puoi organizzare una vacanza all’insegna della natura, dello sport e del relax. Troverai, inoltre, storia, archeologia, cucina tipica e tante tradizioni antichissime.

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *